Stato di disoccupazione

Stato di disoccupazione

Ai sensi della normativa vigente (art. 19 d.lgs n.150/2015 e smi), dal 24/09/2015 sono considerati  "disoccupati" i soggetti:

  • privi di impiego;
  • che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro, la propria immediata disponibilità a svolgere un'attività lavorativa e a partecipare alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego.

Si considerano "privi di impiego" i soggetti che non svolgono alcuna forma di attività lavorativa subordinata o autonoma (Comunicato Direzione Regionale Coesione sociale del 22/10/2015).
Sono compatibili con lo stato di disoccupazione le prestazioni occasionali (libretto famiglia e contratto di prestazione occasionale, come definito dall’ art. 54 bis c. 4 della L. n. 96/17 di conversione del D.L. n. 50/17), i tirocini, gli stage o assimilati e le attività di pubblica utilità.

DICHIARAZIONE DI IMMEDIATA DISPONIBILITÀ AL LAVORO
Per acquisire formalmente lo stato di disoccupazione, il soggetto "privo di impiego" deve rilasciare la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID) in forma telematica.

SOSPENSIONE DELLO STATO DI DISOCCUPAZIONE
Lo stato di disoccupazione è sospeso nel caso in cui il lavoratore instauri un rapporto di lavoro subordinato di durata fino a sei mesi, indipendentemente dal reddito annuo percepito.

PRESTAZIONI DI CARATTERE SOCIALE (es. esenzione spese sanitarie, prestazioni sociali da parte dei Comuni...)
La concessione di esenzioni o di prestazioni agevolate non è più legata alla condizione di disoccupato registrato presso i servizi per l'impiego, ma soltanto alla condizione di non occupazione.
I soggetti possono dichiarare alle amministrazioni pubbliche interessate la condizione di non occupazione con una dichiarazione sostitutiva, resa ai sensi del D.P.R. 28 dicembre 2000 n. 445.