Articoli

Collocamento Obbligatorio L.68/99

Collocamento Obbligatorio L.68/99
Territorio della Città Metropolitana di Torino

Dopo la riforma del mercato del lavoro, i CPI della Regione Piemonte, sono tutti transitati all'Agenzia Piemonte Lavoro con sede in Via Avogadro 30 – Torino, mantenendo tutte le sedi degli uffici sul territorio regionale.

Tutte le attività che prima si svolgevano nella sede di C.so Inghilterra, sono adesso gestiti nella sede dell'Agenzia Piemonte Lavoro, ad eccezione degli esoneri parziali che sono gestiti direttamente dalla Regione Piemonte – pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La legge n. 68 del 1999 di riforma del collocamento dei disabili, ha introdotto il principio del "collocamento mirato". Lo scopo è quello di promuovere l'inserimento lavorativo dei disabili in impieghi compatibili con le proprie condizioni di salute e capacità lavorative e a soddisfare l'esigenza delle aziende di un inserimento proficuo nella propria organizzazione produttiva. Accanto al sostegno al disabile la legge n.68 del 1999 prevede per le aziende soggette agli obblighi occupazionali la possibilità di stipulare convenzioni con l’Agenzia Piemonte Lavoro, tramite i Centri per l’Impiego, per l’inserimento programmato delle persone iscritte nelle liste specifiche.

Per promuovere e sostenere l’inserimento mirato delle persone disabili e della altre “categorie protette”, la Regione Piemonte, si avvale di servizi specifici dislocati su tutto il territorio.

Presso ogni sede di Centro per l’Impiego, sono presenti operatori specializzati nell'inserimento di persone con disabilità, a cui si affiancano operatori esperti di strutture private e accreditate, dalla Regione Piemonte, all'inserimento al lavoro delle persone svantaggiate.

La Legge 68 del 1999 è stata modificata dal Decreto Legislativo n.151/2015 del 24/9/2015 di attuazione del Jobs Act e pertanto la presente sezione è da considerarsi in corso di aggiornamento in attesa dell'emanazione dei decreti ministeriali attuativi.

Le principali novità del D.Lgs. 151/2015 sono le seguenti:

  • Nuove linee guida emanati con D.M. (art.1)
  • Modificazioni alla legge 12 marzo 1999, n. 68 * (art. 2–11)
  • Soppressione albo nazionale dei centralinisti telefonici privi della vista (art.12)
  • Modificazioni L.29 03 '85, n.113 (disciplina lavoro centralinisti non vedenti - art.13)
  • Maggiore spazio all’assunzione con procedura di richiesta nominativa
  • Previsti 3 anni di incentivi fino al 70% della retribuzione lorda per i privati che assumono a tempo indeterminato, gestiti direttamente dall’INPS.

 

Vai alla pagina dedicata ai cittadini

Vai alla pagina dedicata alle aziende